#acquadimarzo -Águas de março-

Whatsapp

C’è una poesia scritta da Antonio Carlos Jobim che si chiama Agua de Marco, Pioggia di Marzo, che sta ad indicare la rinascita delle cose dopo l’inverno freddo, non solo atmosferico, è stata tradotta in Italia da grandi artisti uno su tutti Ivano Fossati. Quella sotto in italiano è parafrasata da Calabrese per Mina che ne ha reso un grande successo grazie alla sua grande interpretazion e recita così: Águas de março

É o pau, é a pedra, é o fim do caminho
É um resto de toco, é um pouco sozinho
É um caco de vidro, é a vida, é o sol
É a noite, é a morte, é um laço, é o anzol
É peroba no campo, é o nó da madeira
Caingá candeia, é o matita-pereiraÉ madeira de vento, tombo da ribanceira
É o mistério profundo, é o queira ou não queira
É o vento vetando, é o fim da ladeira
É a viga, é o vão, festa da ciumeira
É a chuva chovendo, é conversa ribeira
Das águas de março, é o fim da canseira
É o pé, é o chão, é a marcha estradeira
Passarinho na mão, pedra de a tiradeiraÉ uma ave no céu, é uma ave no chão
É um regato, é uma fonte, é um pedaço de pão
É o fundo do poço, é o fim do caminho
No rosto um desgosto, é um pouco sozinhoÉ um estepe, é um prego, é uma conta, é um conto
É um…

E mah è forse è quando tu voli rimbalzo dell’eco È stare da soli È conchiglia di vetro, è la luna e il falò È il sonno e la morte è credere no Margherita di campo è la riva lontana È la riva lontana è, ahi! è la fata Morgana È folata di vento onda dell’altalena un mistero Profondo una piccola pena Tramontana dai monti domenica sera è il contro è Il pro è voglia di primavera È la pioggia che scende è vigilia di fiera è l’acqua Di marzo che c’era o non c’era È si è no è il mondo com’era è Madamadorè Burrasca passeggera È una rondine al nord la cicogna e la gru, un Torrente una fonte una briciola in più È il fondo del pozzo è la nave che parte un viso Col broncio perché stava in disparte È spero è credo è una conta è un racconto una Goccia che stilla un incanto un incontro È l’ombra di un gesto, è qualcosa che brilla il Mattino che è qui la sveglia che trilla È la legna sul fuoco, il pane, la biada, la caraffa Di vino il viavai della strada È un progetto di casa è lo scialle di lana, un Incanto cantato è un’andana è un’altana È la pioggia di marzo, è quello che è La speranza di vita che porti con te È la pioggia di marzo, è quello che è La speranza di vita che porti con te È mah è forse è quando tu voli rimbalzo dell’eco È stare da soli È conchiglia di vetro, è la luna e il falò È il sonno e la morte è credere no È la pioggia di marzo, è quello che è La speranza di vita che porti con te È la pioggia di marzo, è quello che è La speranza di vita che porti con te

“E' la normalità la vera rivoluzione.”