#acquadimarzo – Satira Post COVID-19

Whatsapp

?Bar della Piazza, ?Piazza Calibbardo,?Vesuvio, ?Napoli, ?Campania, ?Italia,?Europa, ?Pianeta Terra, ?Sistema Solare, ?Via Lattea: 


Luché: Assafá Vecié, finalmente ce verimmo a vecino.
Vecié: Rammo n’abbraccio Luché.
Luché: Anzi facimmo comme hai fatto ajere c’ammore tuojo, rammece no vaso mocca. 
Vecié: Hai raggggione Luché, vieni ca vasammece, Vottamece na sola n’ganno. 
Luché: Eoooo ma stai buono? Azz io pazziavo, pe te sfotte no poco, azz tu fai seriamente? Ma a LEGHITA’ te juto n’capo? È po tu ta pigliato o virusso, fatt’allá, stammo lontano!
Vecié: Uuuuuu Luché, tu si no gnorando proto, Pienzi ancora o virusso? Jetta sta mascherina, che è fernuto tutto coso!
Luché: Ma comme ma tu nu jeri chillo che rint’e dirette facebbucco cazziavi a gente si metteva a capa a fora a porta, hai chiesto l’esercito, hai appoggiato o’ Sceriffo nella sua severità,  e mo, jetti a mascherina? Aroppo ch’é venuto l’amico tuojo ra Vappatana?
Vecié: Tu a nato Sinnoco e muori Sinnoco, Luchè! Accossí se fa pe sfonnà! O’ commanná è meglio ro fotte. Ma po e paisani tenono a memoria corta! Mo faccio no post e scuse e dico che sulo a fora m’aggiù distratto n’attimo, però a rinto o negozio a teneva. Tanto pure e tuoi t’annù creruto ca tu nunn’a juto o’ funerale e Carminuccio. 

“E' la normalità la vera rivoluzione.”